NUDO FEMMINILE

EGON SCHIELE

NUDO FEMMINILE

1910


gouache e matita su carta 31.6 x 44.9 cm

Collezione privata

LETTURA CROMATICA DEL DIPINTO

di Carol Gianotti

La figura emerge dallo sfondo; esso è privo di segno ma la superficie appare dipinta. Per definire tale rapporto l’artista sceglie le tonalità di giallo, verde, verde-giallo, giallo-arancio e rosso-viola (per la figura) e quelle del giallo-arancio (per lo sfondo).
Descrivendo i colori con i nomi tradizionali direi che abbia, presumibilmente, impiegato l’ocra (gialla e rossa), il vermiglio, la terra d’ombra o la terra d’ombra bruciata, il verde permanente e il verde vescica per realizzare il corpo della donna, acefala per scelta compositiva, le calze e le calzature.
Sceglie una tonalità rosata per il fondo.
La linea di demarcazione delle figura può essere stata realizzata a grafite, faesite o carboncino.
Da segnalare l’impiego del bianco e del grigio, non direttamente ma miscelato ai colori.

I colori utilizzati sono gouache (o guazzo), composti da pigmento, gomma arabica e bianco di titanio, già di per sé coprenti, a differenza dell’acquerello che si crea con la miscela di solo pigmento e gomma arabica (molto più trasparente, per realizzare velature di colore). Secondo me, l’artista stempera i colori anche con del bianco e del grigio. Probabilmente anche col nero.  Appaiono, quindi, tinte desaturate.

La gamma cromatica prevalente è quella che, nel cerchio cromatico di Itten, si trova tra il verde e il giallo. Come ho già accennato, per ciò che riguarda le tinte, non vi sono colori puri.

Per ciò che riguarda la saturazione deduco le terre utilizzate per le calze, le scarpe e i peli del pube siano desaturate al nero.

La porzione di coscia destra è realizzata con un’ocra gialla desaturata col grigio. Come lo sfondo, che appare così smorzato, esaltando il contrasto figura sfondo, e facendola emergere in maniera considerevole.
I verdastri sono anch’essi desaturati per mezzo del grigio.

Parlando di chiarezza tutte le tinte dello sfondo e dell’incarnato sono schiarite, eccenzion fatta per le calzature e per l’ inguine.

Parlando di accordi cromatici identifico una triade di colori secondari, quella fra l’arancio, il verde e il viola.

Non riscontro effetti cromatici complessi, se non il fenomeno delle ombre colorate; il petto, l’addome e il gluteo risultano ombreggiati di verde, in contrapposizione al rossastro dei seni e della coscia sinistra.

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: